2ª Regola – No ai Lieviti

2ª Regola - No ai Lieviti



2ª Regola – No ai Lieviti

Perché sono causa di sovrappeso
I lieviti sono funghi che attivano la fermentazione dei cibi, bevande comprese. Il lievito fornisce acido folico, vitamine B e minerali, ma è anche ricco di purine, sostanze azotate che intossicano l’organismo, rallentando il metabolismo, affaticando gli organi emuntori come fegato, reni e pelle e aumentando il rischio di sovrap-
peso. E ciò accade anche se non si è in presenza di un’intolleranza specifica. Ecco perché tutti possono trarre giova-
mento dalla prima regola.

Il problema e la soluzione
La prima cosa da fare per ridurre gonfiori e peso corporeo è quindi eliminare dalla dieta i cibi che contengono
lieviti, per esempio alimenti cotti in forno (come pane, torte, pizze, cracker, grissini ecc.), ma anche aceto di vino,
birra, formaggi, bevande e cibi fermentati in genere. Tuttavia, sarà possibile utilizzare yogurt, aceto di mele e tofu che, anche se contengono microrganismi che attivano la fermentazione, apportano enzimi, vitamine e minerali utili
per la riduzione dell’adipe.

I VANTAGGI PER LA SALUTE
ELIMINARE I LIEVITI DALLA DIETA PER QUALCHE TEMPO CONSENTE, OLTRE CHE DI RIDURRE GONFIORI E SOVRAPPESO, DI CONTRASTARE COLITI, BRUCIORI DI STOMACO, INFEZIONI DA CANDIDA, MAL DI TESTA E DIGESTIONE DIFFICILE.

… E allora, cosa posso mangiare?
Non pensare di dover rinunciare a tutti i cibi più buoni. Puoi mangiare pasta di riso, mais o grano saraceno (vedi 3a regola), riso, patate, polenta… Adatte anche lecrèpesdi saraceno, da preparare in una padella antiaderente e far-
cire a piacere. Verdure, frutta, carne, pesce, uova e una buona scelta di bevande sono comunque a disposizione. Esistono inoltre moltissimi dolci consentiti nel nostro programma alimentare e tutti privi di lieviti. E, se proprio
non riesci a rinunciare ai cibi che contengono lieviti, consumali a colazione, entro le dieci del mattino, quando il tuo corpo riesce a metabolizzarli senza troppi problemi. Ecco qui di seguito un breve schema riassuntivo dei cibi
vietati e di quelli consentiti.

Le alternative senza lieviti sono sane e gustose

Pasti, dessert e snack
Prima colazione: pane, biscotti e fette biscottate possono essere sostituiti con fiocchi di avena, riso soffiato, gallette di riso o di mais. Altri prodotti adatti sono le merendine di amaranto, quinoa o grano saraceno, le sfogliate di
riso e mais. E, se non vuoi rinunciare alla classica brioche 0 a una fetta di torta o di pizza, puoi farlo in questo pasto,
ma non dopo le 10 di mattina.

Pranzo e cena: il pane si può sostituire, oltre che con le gallette e le sfogliate segnalate al punto precedente, con
patate cotte al vapore, pasta di riso, mais o grano saraceno, riso bollito servito come contorno alla portata princi-
pale, polenta sia appena preparata sia affettata una volta fredda e tostata a fette nel grill oppure nel tostapane.

Dolci: le torte classiche non rientrano nel nostro programma, tuttavia esiste una serie di dolci al cucchiaio privi di lievito e farina (panna cotta, budini, gelati, sorbetti, creme, meringhe, cioccolato). Sono consentiti anche gli amaretti (purché privi di farina).

Snack e antipasti: le tartine possono essere sostituite da fettine di polenta grigliata (eventualmente decorate con
una falda di peperone arrostito e un’acciuga); da bastoncini di verdure crude serviti con una salsina di yogurt; da crépes di grano saraceno ripiene di verdure; da stuzzichini di carne o pesce (vedi le ricette); invece del classico panino si può optare per una frittata di zucchine o spinaci tagliata a striscioline disposte tra due gallette di riso o di mais.

 

Comments

comments