Proteine e fibre. E controlli il peso corporeo

Proteine e fibre. E controlli il peso corporeo



Proteine e fibre. E controlli il peso corporeo

Molti alimenti hanno un rapido effetto sulla produzione di insulina, mentre altri non la influenzano più di tanto. Il nostro percorso è stato realizzato in modo da mantenere in equilibrio la produzione di insulina utilizzando proprio questi ultimi.

 

Le fibre sono il primo alleato

È ormai dimostrato che il picco glicemico dopo il pranzo è ridotto dopo un pasto ad alto contenuto di fibre. A ciò concorrono diversi fattori: a parità di cibi ingeriti, il pasto ricco in fibre contiene meno carboidrati disponibili alla digestione; l’aumento della viscosità del contenuto dell’intestino (dovuta alle fibre solubili) riduce l’assorbimento di zuccheri e grassi; l’incremento della velocità di transito (dovuta alle fibre insolubili) diminuisce il tempo di contatto con la superficie assorbente. Il regolare consumo di fibre (25-30 g al dì), quindi, può ridurre anche il rischio di insorgenza di diabete tipo 2 grazie all’efficacia nel regolare i picchi glicemici e insulinemici. Inoltre, diversi ricercatori hanno studiato l’effetto delle fibre solubili, in particolare di inulina, oligofruttosio e psillio, sul metabolismo dei grassi. I dati disponibili nell’uomo indicano l’esistenza di un effetto di riduzione dei livelli di co-
lesterolo totale e di LDL (quello cattivo). Ti stai chiedendo dove puoi trovarle? Tutti gli alimenti di origine vegetale contengono sia fibre solubili che insolubili; in generale le verdure, i cereali e i loro derivati integrali (pasta, riso ecc.)
e i legumi ne sono molto ricchi. I legumi e i prodotti di avena sono le fonti migliori di gomme; le mele, le pere (entrambe con la buccia!) e gli agrumi contengono le maggiori quantità di pectina, una fibra solubile ottima per l’intestino.

 

E con le proteine ottieni i migliori risultati

A ogni pasto (anche a colazione!) occorre scegliere piatti formati da una base di carboidrati complessi ovvero pane, pasta o riso integrali, patate (quando possibile mangiate con la buccia), fette biscottate ecc. e da una componente
proteica costituita da carne, pesce, uova, formaggio, affettato (di rado), ricotta, yogurt, legumi, tofu e tempeh. Le proteine, infatti, oltre a nutrire i muscoli (che così bruciano più adipe) svolgono una funzione simile alle fibre, rallentando l’arrivo degli zuccheri nel sangue. La coppia proteine e carboidrati va completata con frutta e verdura. E mantenere stabili i livelli di insulina durante l’arco della giornata sarà facile!

 

 

Comments

comments